fbpx

Weekend Natura: nelle Langhe dell’astigiano tra Natura e delizie varie

Qui, tra bellezze naturali, storiche e paesaggistiche, si produce l’omonimo “Loazzolo“, un moscato passito di qualità eccelsa prodotto da pochissime piccole aziende vitivinicole. Giovanni Scaglione del Forteto della Luja, è uno dei privilegiati produttori di questo vino. Tempo fa ha voluto creare un’area protetta su alcuni terreni boscati di sua proprietà.
Così, assieme ai volontari del WWF, Scaglione è riuscito nel non facile intento di coinvolgere nel progetto altri proprietari, arrivando a richiedere l’istituzione di un’oasi per proteggere, conoscere e valorizzare le grandi ricchezze naturalistiche del versante sinistro del rio Luja.
E’ nato così un mosaico protetto, dove le tessere naturali e quelle marcatamente “umane” si distribuiscono equamente, grazie a un felice connubio tra le piccole dimensioni delle vecchie cascine e la complessa morfologia del territorio. Qui si sono mantenute condizioni ambientali estremamente diversificate, che hanno contribuito a coniugare una elevata multiformità degli ambienti agrari e naturali con una elevata diversità e presenza di molte specie vegetali e animali. L’area protetta così istituita è affiliata al sistema Oasi del WWF Italia.

La Natura

Nell’alto e medio bacino del Rio Luja si trovano alcuni boschi tipici della Langa Astigiana che rivestono un particolare interesse naturalistico e paesaggistico. Il bosco dominante è costituito in prevalenza da roverella e orniello. Diffuso è anche il castagneto nei versanti più freschi, con presenza sporadica di alcune specie arboree di particolare interesse quali l’acero, il frassino e l’ ontano nero. Molto ricche dal punto di vista naturalistico si dimostrano le calde praterie che si estendono sul crinale, lembi di Mediterraneo incastrati nel Piemonte. Il fiore all’occhiello è rappresentato dalle orchidee spontanee: ne sono state censite ben 23 specie.
Caprioli, cinghiali, tassi, volpi, lepri, ghiri, scoiattoli, ricci e faine sono i rappresentanti più noti della ricca fauna della zona. Ben 70 le specie di uccelli segnalate, tra cui diverse ritenute particolarmente importanti a livello europeo.
Le farfalle diurne censite superano ormai le 60 specie  e anche per le notturne le ricerche stanno confermando l’importanza dell’oasi.

La visita all’oasi

L’oasi ha attualmente un’estensione di 15 ettari di boschi e vigneti.
E’ attraversata da un Sentiero Natura che è anche ciclabile ed è ricco di bacheche informative naturalistiche; il percorso attraversa il vigneto – in conversione al biologico – di questa singolare Oasi. Sono possibili visite guidate al frutteto, costituito da antiche varietà di meli e peri, al Giardino delle farfalle e all’attiguo Bosco della Luja, ricco di orchidee spontanee.
Ovviamente anche il gusto rientra tra i sensi sollecitati dalla visita dell’oasi. E’ possibile quindi dare una chiave di lettura dell’oasi “enogastronomica“, alla scoperta della storica Cantina, con degustazioni dei vini – come il Moscato Passito vendemmia Tardiva Loazzolo doc – accompagnati dalla Robiola di Roccaverano dop, o la Nocciola Tonda gentile delle Langhe igp.
La sostenibilità dell’oasi è assicurata dalla produzione di energia “verde” grazie a un moderno impianto di pannelli fotovoltaici.
Come arrivare, contatti e orari dell’oasi
L’oasi si trova in provincia di Asti, nel comune di Loazzolo, al confine tra la Langa Astigiana e la Langa Cuneese, facilmente raggiungibile partendo da Canelli, salendo tra le colline del Moscato per nove chilometri.
Uscita consigliata sulla A21: Asti Est direzione Alba – Canelli
Uscita consigliata sulla A26 Alessandria sud, direzione Nizza M.to – Canelli
Indirizzo: Reg. Candelette 4 14051 Loazzolo (At)
Telefono: 0144/87197 – 3476934330 (Giovanni Scaglione)
Email[email protected]

DA NON PERDERE NEI DINTORNI

Alcune leccornie locali
La robiola di Roccaverano, il formaggio prodotto sulla Langa Astigiana e sulle colline a ridosso della
Liguria, è l’unico caprino storico d’Italia e anche l’unico ad aver ottenuto la denominazione di origine protetta. E’ un formaggio a pasta fresca, tenera e compatta. Esprime profumi intensi già dopo 15/20 giorni, ottimi dopo 30/40 giorni di stagionatura.
La Nocciola Piemonte igt, può essere coltivata in quasi tutti i Comuni del Piemonte ma solo in questo territorio la coltivazione e la trasformazione in pasticceria hanno una tradizione consolidata e una qualità riconosciuta superiore. la varietà conosciuta come “Tonda Gentile delle Langhe” è considerata la migliore al mondo. Il suo seme è croccante e profumato, di colore chiaro e uniforme, privo di sentori di legno che caratterizzano invece le altre varietà, il seme fresco è meno astringente, più duro, e il suo profumo è più intenso.

Parco paesaggistico e letterario “Langhe Monferrato e Roero”
Alzi la mano chi di voi non conosce – almeno di nome – Beppe Fenoglio, Giovanni Arpino, Vittorio Alfieri, Cesare Pavese. Che cosa li accomuna? Semplice, l’appartenenza al territorio del Basso Piemonte. Il parco permette di scoprire i luoghi amati e di vita di questi scrittori. La valle del Belbo, cara a Pavese, è poi al centro di un percorso di trekking di 18 km della durata di 6 ore.

I terrazzamenti dell’Alta Langa

Le Langhe si possono suddividere in due grandi zone: la Bassa Langa e l’Alta Langa, molto più estesa e con una altimetria tra i 250 e gli 860 metri). Il paesaggio dell’Alta Langa è caratterizzata dai terrazzamenti , un enorme patrimonio messo a rischio dall’assenza di strutture di manutenzione e di presidio. Il Comune di Cortemilia ha dato vita a un Ecomuseo dei terrazzamenti e della vite, con sede nella cascina Monteoliveto che sovrasta la Peve antichissima.
Info:

Cortemilia, la capitale della nocciola tonda

Il suo centro storico, contraddistinto da abitazioni e porticati medioevali, è diviso in due borghi dal passaggio del fiume Bormida: San Pantaleo e San Michele, uniti da una passerella di ferro.

Sezzadio

Qui si trova l’abbazia di Santa Giustina, fondata nel 722, considerata uno dei monumenti più importanti del Piemonte.

Lascia un Commento

CONDIVIDI