fbpx

Oasi WWF Ripa Bianca di Jesi

Nell’Oasi WWF Ripa Bianca si trova l’unica garzaia della Regione. L’Oasi Ripa Bianca di Jesi si trova all’interno di un Sito d’Importanza Comunitaria (SIC IT5320009) nel Comune di Jesi (An). E’ anche una Zona di Protezione Speciale (ZPS IT5320009). L’oasi è caratterizzata dalla presenza di un tratto del corso del Fiume Esino e di un lago, dove si è insediata la garzaia, derivato da un ex cava di ghiaia. Il restante territorio è costituito dal tipico paesaggio agricolo marchigiano con la presenza di elementi di naturalità (siepi, boschetti, ecc.) e da formazioni pre-calanchive.

Le notevoli valenze naturalistiche ed il contesto fortemente antropizzato nel quale l’area protetta si colloca, rendono la Riserva Naturale un laboratorio sperimentale unico di gestione eco-sostenibile del territorio finalizzato a conciliare la tutela ed incremento della biodiversità con la presenza delle attività umane.

RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE
Negli ultimi anni molte sono state le operazioni di riqualificazione ambientale come rimboschimenti, piantumazioni di siepi campestri, realizzazione di nuove aree umide e progetti per un’agricoltura ecosostenibile.

EDUCAZIONE AMBIENTALE
L’educazione ambientale è curata dal CEA “Sergio Romagnoli” che organizza periodicamente, in aggiunta alle attività per il mondo della scuola, incontri, convegni, laboratori, corsi, seminari ed eventi divulgativi atti a diffondere ad un pubblico più ampio possibile e di qualsiasi fascia di età i principi della conservazione della natura e del vivere ecosostenibile.

RICERCA SCIENTIFICA
La ricerca scientifica è svolta tramite periodici monitoraggi della flora e della fauna. Di particolare importanza è la presenza della stazione ornitologica “Ripa Bianca” che assicura la realizzazione di costanti attività di censimento, ricerca e divulgazione scientifica dell’avifauna. Sulle sue orme, è nata nel 2012 la stazione entomologica “Ripa Bianca” con l’obiettivo di studiare gli insetti della Riserva e divulgare la loro conoscenza. Numerose e continue sono le collaborazioni con università, enti, associazioni e studiosi per la realizzazione di attività di ricerca scientifica.

DOCUMENTAZIONE NATURALISTICA
La documentazione naturalistica è assicurata dalla preziosa collaborazione con numerosi fotografi e videoamatori che frequentano assiduamente i sentieri ed i capanni di osservazione dell’area protetta.

VOLONTARIATO
Il volontariato ha caratterizzato la vita dell’area protetta fin dalla nascita dell’Oasi WWF nel 1997.

Da anni, il sabato mattina, un gruppo di volontari si occupa della manutenzione della sentieristica e delle aree didattiche mentre altri, periodicamente, collaborano al censimento della fauna e alla realizzazione di attività ed eventi divulgativi.

IMPEGNO SOCIALE
Infine, il binomio natura e impegno sociale ha trovato sempre spazio nella Riserva attraverso inserimenti lavorativi, attività educative e collaborazioni a favore di persone svantaggiate.

Lascia un Commento

Condividi