fbpx

Oasi WWF di Valmanera

L’Oasi WWF di Valmanera è un importante relitto mediterraneo della calda epoca post-glaciale, insediatasi sulle colline del Monferrato circa 15.000 anni fa e ora quasi scomparso nel nord Italia.
L’Oasi WWF di Valmanera si trova all’interno di un Sito d’Importanza Comunitaria (SIC IT1170002) nel Comune di Asti.

Dopo tanti anni di tenace lavoro e di grande passione Villa Paolina e il suo parco sono ora una splendida realtà a disposizione di tutti coloro che vogliono imparare i segreti della natura.

L’Oasi WWF di Valmanera si trova a pochi chilometri da Asti, all’interno della grande area dei Boschi di Valmanera, individuata come Zona Speciale di Conservazione della Rete Natura 2000 (ZSC), ex SIC. L’Oasi ha un estensione di circa 10 ettari composti da prati, boschi e sentieri.

Nel centro nell’Oasi vi è il pianoro presso il quale è posto il complesso di edifici che comprende la Villa, l’Ostello e la sala convegni “Biberach an der Riss”.

La grande Villa ospita al suo interno la locanda, le sale da pranzo, il bar e una rivendita di gadget WWF e prodotti di Terre dell’Oasi e del commercio equo e solidale.

Al primo piano si trova una biblioteca e il ricco Museo Naturalistico del Territorio che racconta la storia e la biodiversità della nostra zona.

All’ultimo piano della Villa invece troviamo la Sala del Pittore, una bellissima sala convegni dalla capienza di 40 persone.

Inoltre sono presenti un apiario, uno stagno, un orto didattico e un breve percorso nel bosco con bacheche tematiche e un affioramento fossilifero.

L’Oasi è aperta quasi tutto l’anno fatta eccezione per alcune settimane.
In caso di brutto tempo, lavori di manutenzione o altri interventi, l’Oasi potrebbe rimanere chiusa; consigliamo quindi di contattarci SEMPRE prima di venire qui.

La locanda è aperta solo su prenotazione.

E’ possibile visitare l’Oasi con o senza visita guidata. Il tour guidato permette di visitare anche gli edifici e il museo naturalistico. Per entrambi i tipi di visita è previsto un biglietto d’ingresso, per la visita guidata va pagato un supplemento.

Lascia un Commento

Condividi