Castellammare di Stabia, Campania - Italia

Terme di Castellammare di Stabia

Castellammare di Stabia è situata nella parte sud della provincia di Napoli, nel territorio compreso tra la fine della zona vesuviana e l'inizio della penisola sorrentina...

Read More...

           percorsi per biciclette

Servizi e informazioni

Servizi:

Video presentazione

Consigli in zona

Presentazione

Castellammare di Stabia è situata nella parte sud della provincia di Napoli, nel territorio compreso tra la fine della zona vesuviana e l’inizio della penisola sorrentina. La città sorge in una piana di natura alluvionale-vulcanica, in una conca del golfo di Napoli, protetta a sud dalla catena dei monti Lattari, mentre verso oriente si perde nelle campagne attraversate dal fiume Sarno, il quale sfocia nel mare di Castellammare di Stabia.

Proprio questi elementi naturali segnano il confine con le città limitrofe: il fiume Sarno infatti divide la città stabiese da Torre Annunziata e Pompei a nord, il monte Faito da Vico Equense e Pimonte a sud. Ad est la città confina con Sant’Antonio Abate e con Santa Maria la Carità, mentre la zona ovest risulta essere la fascia costiera

Termalismo e benessere a Castellammare di Stabia affondano le proprie radici già nell’ epoca dei Romani. Le acque minerali stabiane sono apprezzate da scrittori latini come Plino Seniore e Columella, mentre il grande medico Galeno, assieme agli scrittori Simmaco e Cassiodoro, decanta le virtù del clima, della posizione geografica e del latte del territorio stabbiano.

Le Terme di Stabia costituiscono uno dei principali complessi termali italiani per un numero e qualità delle cure erogate. Accanto alle tradizionali e rinomate cure idropiche, cui è riservato lo stabilimento delle Antiche Terme nel cuore della città, nella zona del porto e del cantiere navale, presso il nuovo stabilimento delle Terme del Solaro si possono praticare tutte le cure termali: fanghi, bagni, inalazioni, aerosolterapia, massaggi. Castellammare di Stabia vanta 28 fonti di acque minerali: 17 sono presenti all’ interno delle Terme. Un prezioso dono della natura, in un bacino idrogeologico unico al mondo, oggi attorno a due stabilimenti termali. Le antiche terme di Stabia (nel cuore del centro antico) e le nuove Terme di Stabia (sulla collina del Solaro).

Le Terme

Edificate nel lontano 1836, le terme di Castellammare di Stabia rappresentano uno dei più importanti punti di riferimento culturali dell’intera regione e una delle mete più ambite della Penisola, in virtù di una raccolta di differenti tipi di acque minerali che consentono la risoluzione di un ampio spettro di patologie e malesseri.

Grazie alla presenza di 28 distinte fonti minerali, divise in Antiche Terme e Nuove Terme, le terme di Castellammare di Stabia possono infatti fregiarsi di una varietà idrica senza paragoni, comprensiva di numerose tipologie di acque solforose, bicarbonato-calciche e medio minerali, in grado di approvvigionare lo stabilimento con una pluralità di risorse utile da reinvestire nei più disparati trattamenti clinici ed estetici.

Mentre le acque di tipo solforoso denominate Muraglione (dal nome della sorgente) risultano infatti note in tutto il mondo per le loro proprietà lassative e risolutive delle problematiche a livello intestinale, la cospicua presenza di risorse idriche sulfuree, ferrate e carboniche ha consentito alle terme di Castellammare di Stabia di potersi specializzare anche nella cura delle vie aeree e nei più rinomati trattamenti dermo-cosmetici.

Divise in due distinte strutture, la più antica delle quali ha recentemente riaperto i battenti al pubblico, le terme di Castellammare di Stabia di configurano quindi come un centro polifunzionale rivolto alla cura di corpo e spirito, all’interno del quale ai numerosi siti rivolti alle terapie idropiniche, ginecologiche, inalatorie, artroreumatiche e balneo-fangoterapiche si accompagna l’edificazione di un moderno centro estetico rivolto alla salute della pelle.

Note fin dall’epoca romana, ma assurte ad autentico splendore in epoca borbonica per volere di Ferdinando I, le terme di Castellammare di Stabia rappresentano dunque uno dei più mirabili esempi di quanto il termalismo moderno abbia saputo trarre insegnamenti preziosi dalle antiche evidenze empiriche per offrire un continuo adeguamento di proposte e di intenti terapeutici, che trovano nelle 28 sorgenti il loro minimo comun denominatore attraverso le differenti fasi storiche.

Aggiornamento 2022

Ad oggi le terme sono chiuse. L’oro blu di Stabia continua a sgorgare dal cuore del Faito in mille rivoli, a incanalarsi nelle 28 sorgenti da cui ogni minuto ettolitri di preziosa acqua finiscono in mare…


Più Turismo

Un team di esperti che si occupa di turismo ecosostenibile e aiuta da anni le aziende a promuovere e valorizzare il territorio, migliorarsi e farsi conoscere da turisti responsabili e attenti alla natura, al rispetto dell'ambiente e la riduzione degli sprechi.

Nei dintorni di Castellammare di Stabia

Leggi anche