Orecchiette alle cime di rapa rivisitate

Categories
Mangiar bene

Le orecchiette alle cime di rapa sono uno dei primi piatti tipici più rappresentativi della Puglia! Leggero e gustoso allo...

Read More...

Le orecchiette alle cime di rapa sono uno dei primi piatti tipici più rappresentativi della Puglia! Leggero e gustoso allo stesso tempo. Prova la nostra versione.

Orecchiette alle cime di rapa rivisitate

Porzioni 2

Ingredienti
  

  • 1 kg di cime di rapa
  • 50 gr di pangrattato
  • Sale fino q.b.
  • 1 spicchio di aglio
  • Peperoncino q.b.
  • Olio extravergine d'oliva q.b.
  • 300 g di orecchiette fresche

Istruzioni
 

  • Pulite le cime di rapa avendo cura di eliminare le foglie esterne più dure. Tenete solo le foglie interne che sono tenere ed il fiore. Sciacquatele per bene per eliminare ogni residuo di terra e scolatele.
  • Mettete a bollire abbondante acqua salata che servirà per lessare le cime di rapa. Dovranno cuocere per circa 5 minuti una volta che l'acqua avrà raggiunto il bollore.
  • Scolate le cime ed immergetele in acqua e ghiacchio per preservare il coloro verde intenso.
  • Una piccola parte delle foglie frullatele in un mixer ad immersione con dell'olio a filo per creare una crema vellutata che andrà a guarnire il piatto e darà quel tocco amarognolo. Mi raccomando filtratela in un colino.
  • Nel frattempo in una padella aggiungete del pangrattato e lasciatelo abbrustolire a fuoco medio mescolando fino a farlo diventare dorato. Una volta pronto tenetelo da parte. Verrà aggiunto all'ultimo.
  • Nella stessa padella soffriggete uno spicchio d'aglio con del peperoncino a piacere.
  • Aggiungetevi le cime di rapa scolate e cuocete per altri 5 minuti per farle insaporire per bene.
  • Cuocete le orecchiette nella stessa acqua dove avete cotto le cime.
  • Una volta cotte scolatele e saltatele in padella con il soffritto e le cime di rapa.
  • Aggiustate di sale.
  • Spegnete il fuoco ed impiattate le vostre orecchiette alle cime di rapa aggiungendo all'ultimo un filo di olio a crudo, il pangrattato tostato e guarnendo con la sala realizzata in precedenza.

Lascia un commento

Leggi anche