fbpx

Nel parco delle Madonie un progetto per salvare 29 alberi in via d’estinzione

Il progetto LIFE4 FIR vede come beneficiario coordinatore il CNR di Firenze e partners l’Ente Parco delle Madonie, il CIRITA – Università di Palermo, il Dipartimento Regionale dello Sviluppo Rurale e Territoriale e l’Università di Siviglia.

Il territorio del Comune di Polizzi Generosa nel Parco delle Madonie, dove si trova la popolazione residuale dell’Abies nebrodensis, sarà interessato dalle azioni di conservazione rivolte agli abeti, nonché da quelle che verranno svolte nel vivaio di Piano Noce che porteranno, tra l’altro, alla produzione di piantine per le attività di riforestazione e di conservazione del prezioso germoplasma. Oltre alla conservazione, diversi saranno gli eventi legati alla divulgazione e alla conoscenza della specie e sull’importanza della conservazione della biodiversità. Previste a cura dell’Ente Parco delle Madonie, apposite visite guidate al sito indigenato, al museo dell’Abies nebrodensis a Polizzi Generosa e al Museo Minà Palumbo di Castelbuono, sede della criobanca, che preserverà l’intero germoplasma della popolazione relitta.

Si tratta, spiega il Dottor Peppuccio Bonomo responsabile per il parco delle madonie del progetto LIFE, di un lavoro per aumentare la diversità genetica e migliorare lo stato di conservazione della specie a rischio di estinzione di Abies nebrodensis, eletta dalla SBI come specie rappresentativa della Flora Siciliana, dove gli ultimi esemplari ricadono all’interno del Parco delle Madonie nel Comune di Polizzi Generosa.
L’Ente Parco delle Madonie, avrà il compito di tutelare e salvaguardare una specie protetta, e quindi attuare, congiuntamente con il Dipartimento Regionale dello Sviluppo Rurale e Territoriale interventi di ingegneria naturalistica localizzata per limitare l’erosione del suolo, mentre la protezione degli esemplari di Abies nebrodensis sarà garantita con doppie recinzioni sia di tipo tradizionale che elettrica. Ma è importante sottolineare, che si trattano di azioni dirette a fermare l’erosione genetica della specie con la consapevolezza di un futuro adattamento ai cambiamenti climatici.

In questa settimana si è svolto nel Madonie Geoparco Unesco il Meeting di progetto con tutti i partner, che ha anche previsto una visita dei partecipanti alla Seed Bank con i primi campioni di semi.Inoltre sono stati fatti sopralluoghi al popolamento di abies nebrodensis e un Workshop a Castelbuono presso il Museo Minà Palumbo.

Lascia un Commento

CONDIVIDI