Trentino-Alto Adige - Italia

Dolomites Val Gardena – Rock the Dolomites 2024

Categories
Eventi

In Val Gardena una settimana di concerti sulle piste, nelle baite, nei rifugi per sciare seguendo la musica....

Leggi tutto...

Rock The Dolomites, l’evento musicale sulla neve più atteso, torna anche quest’anno quando diversi gruppi si alterneranno, sul palcoscenico naturale più bello del mondo, quello delle Dolomiti della Val Gardena, Patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO.

Rock the Dolomites è un festival musicale che riunisce una vasta gamma di musicisti internazionali e locali che si esibiscono su più palchi in una cornice unica e spettacolare.

Con le Dolomiti come sfondo mozzafiato, il festival offre una combinazione perfetta di buona musica, divertimento e bellezza naturale.

Durante il festival, i partecipanti avranno l’opportunità di ascoltare una vasta gamma di generi musicali, tra cui rock, indie, alternative e pop, con artisti provenienti da tutto il mondo. Ci saranno anche spazi dedicati ai DJ e all’elettronica per i fan della musica dance.

Il Rock the Dolomites non si limita solo alla musica, ma offre anche una vasta gamma di attività che i partecipanti possono godersi durante il giorno, tra cui escursioni, mountain bike, arrampicata e molte altre attività all’aria aperta. Inoltre, ci saranno numerosi stand di cibo e bevande dove i partecipanti potranno gustare specialità locali e internazionali.

L’evento attira migliaia di visitatori ogni anno e, con l’aggiunta di nuove band e attività, il Rock the Dolomites 2024 promette di superare le aspettative dei partecipanti. L’esperienza sarà unica e indimenticabile, combinando l’amore per la musica con la bellezza delle Dolomiti.

Se sei un appassionato di musica e di avventura all’aria aperta, questo è l’evento che non puoi perdere. Acquista il tuo biglietto il prima possibile e preparati per un’esperienza straordinaria che non dimenticherai mai.

Questa kermesse musicale, che vede protagonisti molte giovani band, ha come palcoscenico naturale le cime delle montagne, i prati innevati e le piste da sci, per permettere a tutti di
divertirsi e ballare, tra una discesa e l‛altra.

Edizione 2024

Dal 15 al 23 marzo, a Val Gardena, si terrà Rock the Dolomites, una settimana di concerti sulla neve e sulle piste da sci.

Il concerto inaugurale si terrà il 15.3 alle ore 16.00, presso la Baita PRA VALENTINI con i Madax che suonano insieme dal 2012 e propongono brani che si ispirano al rock degli anni ‛80,
offrendo pezzi complessi con melodie accattivanti. Band come i Toto o i Pink Floyd sono i punti di riferimento e nei loro concerti presentano una vasta gamma di sonorità, che vanno dai ritmi
rock alle ballate. I ragazzi sono ugualmente coinvolti nella creazione delle canzoni come dimostra il nome della band, composto dalle loro iniziali.

Sabato, 16.3 grande festa presso DANTERCËPIES Mountain Lounge con l‛evento “SPECIAL Celebrating 10 yers of RTD”. Saranno 4 i complessi, dalle ore 11.00 alle ore 17.30 e sul palco si alterneranno i PopCorner (11.00), i Timbreroots (12:30), Howlin’ Pussy Experience (14:00),e gran finale con i Pëufla (15:30).

Domenica, 17.3 presso la Baita CIAMPAC si esibirà la band gardenese Sun | sëida, ovvero, Gabriel Demetz (chitarra), Pauli Moroder (batteria), Carmen Insam (voce), Ujep Runggaldier (tastiere) e Martin Demetz (basso).

Lunedì, 18.3, i Waydlee saranno sul palco della Danter Eat a valle della Dantercepies. Questo gruppo gardenese ha l‛abilità di adattarsi ai gusti del pubblico in ogni situazione. Stefan, Ivan e Maikol: tre appassionati musicisti con un vasto repertorio che spazia dal rock/pop e blues al country, al reggae e al folk.Martedì, 19.3 al Rifugio SALEI saranno The Giggers a riempire di entusiasmo il pubblico. Paillettes, lustrini e disco-funk: la band The Giggers, con il suo trascinante entusiasmo farà rivivere i mitici anni 70/80. Chic, Earth, Wind and Fire, Gloria Gaynor,Donna Summer e tutti i protagonisti della disco music in un concerto che non vi farà stare fermi nemmeno un secondo.

Mercoledì, 20.3 presso la Baita PANORAMA toccherà a The Matt Project, una realtà consolidata del panorama soul, funk e rock italiano. La band è conosciuta a livello internazionale, con diversi “live” in tutta Europa e a New York, nel leggendario club “The Bitter End” (spesso presenti come headliners durante i weekend). Vanta, inoltre, collaborazioni con Steve Greenwell (produttore di Joss Stone), Renee Neufville (RH Factor), Will Lee (CBS Orchestra), e Frank McComb. La band si è anche esibita in importanti concerti europei presso il “MojoBlues Club” di Copenhagen e il leggendario “Pizza Express” a Londra.

Giovedì 21.3 Riccardo Inge con i suoi musicisti farà furore sul palco della Baita SASLONCH un po‛ cantautore un po‛ band, con canzoni ben shakerate da ballare. Una cascata di note senza fine con medley rock, melodici e aggressivi, intervallati da inediti dal sound moderno e accattivante: è questo il mix per passare un pomeriggio senza pensieri.

Sempre Giovedì, 21.3 presso l‛Après Ski Snowbar si esibiranno anche The Killbilly’s proponendo un suono che fonde rockabilly e blues, con influenze rock’n’roll ad alta energia e neo-rockabilly & surf. Lo spettacolo che questa band è in grado di offrire è un punto cardine delle sue esibizioni.

Venerdì, 22.3 i Blackout suoneranno presso il Bar Après Ski LA STUA, ben 12 membri compongono questa band, che oltre ai classici chitarra, basso e batteria, portano sul palco anche il violino, il sax e il trombone.

Infine, Sabato 23.3 nel contesto della ventiseiesima edizione della Südtirol Gardenissima, presso il Col Raiser Valley Parking si esibiranno The Jam’son, una band che rappresenta divertimento, intrattenimento ed energia pura. Il loro enorme repertorio comprende Rock/Pop/Reggae/Oldies/Funk/Blues/Fox e canzoni originali, sulle quali note è impossibile non ballare o cantare con loro.

Video presentazione

Foto gallery

Marinella Scarico

Sono una Google Local Guide esperta di promozione turistica e web marketing. Viaggio raccontando il lato green del turismo.

Condividi questo articolo:   Facebook Whatsapp Telegram Twitter Email

Lascia un commento

Leggi anche