Turismo a cavallo in Italia

Il progetto:

Turismo A Cavallo è un progetto nato nel 2013 da un gruppo di appassionati di turismo sostenibile a cavallo. L’obiettivo è quello di far conoscere ad un pubblico sempre più ampio la bellezza di questo mondo. Un modo naturale e sostenibile di vivere il territorio. Permette di entrare in relazione con le tradizioni e le culture più profonde dei luoghi che si attraversano e che permette di raggiungere luoghi dal fascino incredibile, lontano dal caos e dallo stress, senza intaccare l’ambiente circostante.

Il progetto ha raggiunto quasi 50.000 fan su Facebook, con una portata organica dei post di circa 4.000 persone, con un media di 200 interazioni a post pubblicato.

Grazie al web Turismo A Cavallo vuole mostrare la bellezza e l’unicità di un turismo sostenibile a stretto contatto con il cavallo, un animale che da sempre è alleato fedele e forte dell’uomo.

Puoi trovare in questa sezione tutte le regioni e i relativi maneggi per la tua esperienza di turismo a cavallo!

Il turismo a cavallo:

Il turismo a cavallo è una modalità di turismo che ha una lunga filiera produttiva alle spalle e che, se organizzato e sostenuto, potrebbe essere un importante strumento per lo sviluppo turistico di molti territori.

Il cavallo diventa compagno di viaggio per la scoperta di territori e tradizioni antiche negli splendidi angoli del nostro Paese. Con il cavallo si può entrare in contatto con persone e realtà tipiche e ci si può immergere in atmosfere rurali, dove trovare pace e relax. Già nel lontano 400 a.C. era riconosciuto il valore terapeutico del cavallo e delle lunghe cavalcate immersi nella natura (Ippocrate di Coo, precursore dell’ippoterapia).

Non vi sono dati certi sul settore, sino ad oggi mai monitorato adeguatamente, ma in questi anni abbiamo percepito un crescente interesse verso questa forma di turismo sostenibile. L’attenzione di una realtà grande e importante come Legambiente Onlus conferma questa nostra ipotesi e noi siamo ben lieti di continuare il nostro lavoro nella campagna Parchi A Cavallo.

Parchi A Cavallo:

Per la campagna nazionale Parchi A Cavallo Legambiente ha scelto TurismoACavallo come partner per sviluppare e far crescere sempre di più il turismo equestre come forma di turismo sostenibile.

Le esperienze:

Il cavallo permette moltissimi tipi di esperienze da quelle per i più piccoli a quelle più impegnative con trekking di più giorni. Navigando sul sito potete trovare esperienze di ogni genere, di seguito alcune spiegazioni sul tipo di esperienza e di preparazione necessaria.

Campo estivo per ragazzi a cavallo

Con l’arrivo dell’estate, c’è la possibilità per i ragazzi di tutte le età di divertirsi vivendo l’esperienza di un campo estivo a contatto con la natura, con gli animali e la cultura rurale del nostro Paese.

Sono tante le strutture che offrono questo tipo di vacanza e che, con il loro lavoro, preservano la tradizione e la memoria culturale del territorio tramandando alle nuove generazioni la bellezza e il piacere  della vita all’aria aperta. Alla fine di questa pagina troverete una selezione dei centri equestri che propongono campi estivi per bambini e ragazzi dove il cavallo sarà un vero e proprio compagno di giochi.

Organizzazione del campo estivo

Il campo estivo è organizzato per permettere ai bambini o ai ragazzi di svolgere varie attività, sia all’interno che all’esterno di ogni struttura, immersi nel verde e a contatto con gli animali. L’offerta è ampia e tante sono le attività che i giovani ospiti possono scegliere:

  • lezioni di equitazione e pony games
  • passeggiate a cavallo (per i più grandi)
  • lezioni di cucina
  • lezioni di lingua inglese o altra lingua straniera
  • escursioni nella natura
  • visite guidate nei luoghi più belli del territorio
  • giochi in piscina

e tanto altro ancora. L’obiettivo è offrire a bambini e ragazzi un periodo nel quale vivere esperienze che nel corso dell’anno non è loro possibile sperimentare e che li metta in contatto con una realtà e con attività che siano in grado di sviluppare  il loro interesse, la loro curiosità, l’interazione con altri e con gli animali.

Passeggiate a cavallo

La passeggiata a cavallo è una delle attività più richieste nel mondo dell’equitazione non agonistica. Alla portata di tutti e sempre con i dovuti parametri di sicurezza, offre la possibilità di godere della natura in maniera esclusiva e in compagnia di un amico nobile come il cavallo.
Scegliere la passeggiata a cavallo più adatta alle proprie esigenze
Molti si avvicinano alle passeggiate a cavallo non conoscendo il mondo dell’equitazione di campagna. E’ quindi importante capire quale può essere la scelta giusta rispetto alle proprie esigenze e aspettative.

Passeggiate a cavallo con degustazione

La passeggiata a cavallo con degustazione è una delle attività del turismo equestre che, più di tutte, permette di immergersi nel contesto di un territorio e di conoscerne gli aspetti distintivi.
Il cavallo permette uno stretto contatto con la natura di un luogo, di entrarci con rispetto e responsabilità, di osservarne tutte le sfumature e goderne pienamente la bellezza.
La degustazione dei prodotti tipici permette invece di assaporare la bontà dei frutti di quella terra.
Il connubio tra paesaggio naturalistico ed enogastronomia è il centro di questa esperienza equestre.
Valore dei prodotti tipici
Ogni Regione, provincia e territorio d’Italia porta con sé antiche tradizioni culinarie e artigianali legate alla cultura e la storia del luogo. Dai prodotti tipici di una zona è possibile percepire le influenze nate dall’incontro, di diverse culture. A portare questa mescolanza, nel corso dei secoli, sono state le transumanze, come quella tra l’Abruzzo e la Puglia, i movimenti migratori come tra la Liguria e il Nord Sardegna e le dominazioni straniere.
I prodotti tipici raccontano un territorio, la sua storia, la sua cultura, il suo sviluppo e costituiscono una valida attrattiva turistica. Soprattutto in un’esperienza di turismo sostenibile a contatto con il mondo rurale.

Passeggiate a cavallo con la carrozza

Una passeggiata in carrozza è una di quelle esperienze affascinanti che non si può dimenticare. La particolarità dell’andatura, la prospettiva con la quale si osserva ciò che ci circonda, l’eleganza di quei cavalli che sembrano danzare davanti a noi sotto la guida del cocchiere, rendono questa esperienza davvero eccitante ed entusiasmante.
La passeggiata in carrozza è la perfetta espressione del turismo sostenibile, un turismo a suon di zoccoli, che non altera l’ambiente e produce scarti organici facilmente recuperabili dal terreno.
Ovviamente qui parliamo delle passeggiate in carrozza organizzate da professionisti del mondo del turismo equestre, dove la sicurezza e la tutela dell’animale sono al primo posto e nulla hanno a che vedere con il mondo, molto discusso, del turismo in carrozza nei grandi centri urbani.

Passeggiate a cavallo sulla neve

Andare a cavallo sulla neve è un’esperienza davvero diversa da quello che si può provare nelle altre stagioni dell’anno.
Solitamente la pratica di turismo equestre viene concentrata nei periodi primaverili ed estivi e si dimentica la bellezza dell’ambiente autunnale e l’unicità di un contesto invernale, ancor più unico se arricchito di neve.
La peculiarità di un’esperienza a cavallo sulla neve sta proprio nel contesto circostante, candido e ovattato. Un contesto silenzioso e quasi surreale che porta il cavaliere ad immergersi in un mondo “sconosciuto” e a stringere con il cavallo un’intesa e una fiducia ancora più profonda. Il cavaliere è chiamata ad ascoltare il cavallo, a incoraggiarlo e a rinsaldare quel legame di fiducia e rispetto reciproco che è alla base del turismo equestre.
In questo ambiente, infatti, anche il cavallo si trova a vivere una situazione atipica. Seppur abituati alla neve (molti sono i cavalli che vivono in territori nevosi), l’animale deve far affidamento a tutti i propri sensi per percepire cosa c’è sotto il manto nevoso.
La neve camuffa e cambia l’aspetto dell’ambiente circostante e i cavalli si predispongono a riscoprire un territorio che magari già conoscono ma che devono riscoprire in una nuova veste.
La vista aiuta sino ad un certo punto, al resto ci pensano l’udito, l’olfatto e il tatto.

A cavallo sulla neve: accorgimenti per cavaliere e cavallo

La neve, soprattutto a causa dei sbalzi termici tra giorno e notte, può nascondere piccole insidie. È perciò importante affidarsi a guide esperte e cavalli d’esperienza.
Rivolgersi ad una guida del posto può aiutare a vivere un’esperienza indimenticabile, in tutta sicurezza.
Solo un occhio esperto è capace di leggere i segnali della neve, riconoscere eventuali lastre di ghiaccio ricoperte da neve portata dal vento o la presenza di avvallamenti e eventuali buche sotto il manto nevoso.
In generale bisogna evitare zone con una coltre di neve che superi il mezzo metro e che renderebbe davvero difficile e pericoloso il movimento del cavallo. È preferibile percorrere sentieri battuti, con un terreno solido (come le vecchie mulattiere) dove il manto si compatta e dove non si affonda troppo.
Quando la neve lo permette, è possibile anche variare l’andatura, procedendo al trotto o al galoppo. All’aumento della velocità cavallo e cavalieri sono chiamati a stringere ancor di più la loro intesa. Piccole nubi di pulviscolo bianco si alzano e i sensi del cavallo si attivano al massimo. Le narici si allargano e le orecchie si drizzano, richiamando il cavaliere ad un ascolto che porta il binomio alla perfetta simbiosi.

I cavalli e la neve

L’insidia maggiore per il cavallo è nella stabilità del proprio passo. Il fondo troppo soffice o ghiacciato può, a volte, minacciare la stabilità dell’animale.
Esistono però molti rimedi. Qualora si utilizzasse una ferratura, la prima opzione è quella di applicare punte in vidiam nella parte inferiore del ferro. Un secondo rimedio prevede la sostituzione di alcuni chiodi con altri specifici per il ghiaccio e il terzo è quello di applicare dei ramponi da ghiaccio. Quest’ultimi vanno però tolti al termine del terreno difficoltoso, per evitare di causare problemi e complicazioni alla struttura meccanica del cavallo.
Se si conosce il territorio e l’animale è già abituato, è possibile anche andare a cavallo sulla neve “scalzi” (senza ferrature).
In quest’ultimo caso, come nei precedenti, è però sempre importante controllare lo zoccolo del cavallo affinché non si formino degli strati di neve compatta che vanno ad alterare il movimento dell’animale.
Per evitare questo problema, qualora il cavallo sia “scalzo”, è possibile espellere la neve in eccesso con qualche passo di trotto. Qualora invece si utilizzino i ferri, si possono applicare delle solette o dei tubicini lungo il perimetro del ferro, che forzano l’espulsione della neve impedendo il formarsi di una stratificazione compatta.
Un’esperienza da vivere
Se avete già un po’ di esperienza, non perdete l’occasione di andare a cavallo sulla neve. Scoprirete nuove sensazioni, nuove emozioni ed entrerete in una nuova relazione con il vostro cavallo.

Passeggiate a cavallo in spiaggia

La passeggiata a cavallo sulla spiaggia è una delle esperienze che affascina di più e che ogni cavaliere e amazzone sogna di fare. L’immagine di una distesa di sabbia bianca davanti a sé, il fruscio ritmato delle onde che si infrangono a riva e il vento tra i capelli che porta il profumo salmastro del mare, rende questa esperienza davvero unica.
L’Italia è, ovunque, delimitata da spiagge e da sempre il cavallo è presente in ogni regione. Ci sono razze di cavalli che nascono proprio in zone umide, dove acqua e terra si mescolano creando panorami e ambienti ricchi di biodiversità e vita.
Nel nostro Paese non esistono aree desertiche ma in alcune zone la sabbia ha creato scenari fantastici, come nel Sulcis, dove si alternano dune e vegetazione spontanea dando vita a paesaggi lunari. Immergersi in questi ambienti in sella ad un cavallo rende l’esperienza ancora più autentica e profonda. Permette al cavaliere di ammirare le bellezze naturalistiche di coste meravigliose nelle quali sono incastonate spiagge di una bellezza disarmante. È nel binomio, nella relazione tra cavallo e cavaliere, che l’ebbrezza di cavalcare sulla sabbia si trasforma in un’esperienza indimenticabile.

Trekking a cavallo

A differenza dalla passeggiata a cavallo il trekking e viaggio a cavallo è rivolto a chi possiede già un minimo di esperienza nell’equitazione di campagna ed è già allenato a stare qualche ora in sella
Da sempre il cavallo accompagna l’uomo nelle sue attività più diverse. Per secoli è stato una macchina da guerra per combattere infinite battaglie, pagando con la vita la sottomissione all’uomo. E’ stato d’aiuto nel lavoro dei campi, insostituibile nelle transumanze e nel lavoro con il bestiame ed è stato, fino all’avvento del treno a vapore, considerato l’unico mezzo di trasporto valido per coprire lunghe distanze.
Oggi, più semplicemente, se ne fa un uso ludico-sportivo. Tante sono le attività sportive e ricreative che utilizzano il cavallo.
Ebbene, nel trekking e viaggio a cavallo, esso diventa il nostro indispensabile e fidato compagno di viaggio. Ci permette di sentire i profumi della natura arrivando, a volte, in luoghi altrimenti inaccessibili. Attraversa guadi e si arrampica sulle montagne per portarci a godere di panorami inimmaginabili obbedendo docilmente ai nostri comandi. Spesso è lui, con la sua esperienza, a superare alcune delle tante difficoltà del viaggio, dovute alle asperità del terreno.
Vivendo fianco a fianco per giorni col proprio cavallo si crea un’intesa inaspettata e gratificante che rende difficile il distacco a fine viaggio.

Weekend a cavallo

Vivere un weekend o vacanza a cavallo è il sogno di ogni appassionato di questo settore ma l’offerta è rivolta a tutti, dai principianti ai più esperti. Allontanarsi dallo stress dei ritmi della vita quotidiana è innanzitutto salutare, soprattutto per chi vive nelle grandi città. A contatto con la natura e gli animali ci si rigenera facendoci percepire le nostre lontane origini.
Quindi se si desidera staccare la spina per un po’, cosa c’è di meglio di qualche giorno a cavallo?

Vacanza a cavallo

Per vacanza a cavallo intendiamo quelle offerte che permettono di sostare per un weekend, una settimana o anche di più se si desidera, in una zona o regione diversa da quella di appartenenza per scoprire, spostandosi in sella ad un cavallo, ciò che quel territorio può offrire.
Il cavallo è il compagno di viaggio ma non è l’unico elemento che identifica l’esperienza che si andrà a vivere. Insieme alla passeggiata a cavallo si svolgono numerose attività volte alla scoperta delle tradizioni e della cultura di una regione come visite guidate in luoghi di interesse culturale, storico, artistico o religioso, attività sportive alternative e tanta immersione nella natura.
Durante le vacanze a cavallo saranno garantiti una struttura ricettiva confortevole per il pernottamento, i giusti punti di ristoro e paesaggi fantastici da ammirare.
Il cavallo sarà sempre al vostro fianco per accompagnarvi in tutte le attività che vorrete svolgere con lui.
L’Italia, come sappiamo, è un paese meraviglioso da Nord a Sud che concentra, in un territorio di ridotte dimensioni, alte catene montuose, ricche e produttive colline e splendide coste. Le proposte sono quindi infinite e tutte accattivanti. Si tratta solo di fare la propria scelta.

Scegli la tua destinazione:

Video presentazione

Foto gallery

Lascia un Commento

CONDIVIDI