Smart Walking: 20 Marzo passeggiata animata dal Castello di Proh (NO) tra natura e racconti

Un’esperienza tra natura, architetture, storia, clima, racconti alla scoperta dell’area del Castello di Proh (No). Si tratta dello Smart Walking, passeggiata culturale animata dalla Fondazione UniversiCà organizzata domenica 20 marzo 2022 alle ore 15, in questo sito di particolare armonia architettonica, voluto da Francesco Sforza come luogo di svago e delizie, al momento in fase di riqualificazione, ma che dall’esterno mostra tutto il suo splendore.

Per prendere parte all’iniziativa è obbligatoria la prenotazione sul sito o telefonando allo 0321.231655.

I partecipanti saranno saranno coinvolti da operatori culturali e da uno storico del clima in un itinerario di 2 km circa che si snoderà dal Castello ai primi rilievi collinari, lungo i sentieri che si addentrano nel parco della fortezza e nei dintorni. Durante il percorso saranno raccontate informazioni sul luogo, le sue curiosità legate alla storia e al paesaggio, i cambiamenti climatici che nel volgere di pochi anni stanno impattando anche sull’area, per una esperienza eclettica, rispettosa del tempo e dell’ecosistema. Si consiglia un abbigliamento adeguato alla camminata; la passeggiata è di facile percorribilità (sconsigliata a disabili motori e con passeggini). Sono i benvenuti anche gli amici a 4 zampe.

Il Castello di Proh è facilmente raggiungibile anche grazie alle vicine uscite autostradali di Novara Ovest e Ghemme (a 12 km dal luogo) e per i partecipanti è disponibile parcheggio gratuito (i dettagli sul ritrovo verranno forniti in seguito alla prenotazione).

Il contributo di partecipazione è di 8 euro a persona, con prenotazione e pagamento online oppure di 10 euro con prenotazione telefonica e pagamento in loco.

Lo “Smart Walking” è una delle azioni inserite in un progetto a lungo termine, ordito dalla stessa Fondazione UniversiCà, che si propone di riqualificare un sito di elevato interesse sia storico che
naturalistico con la sua apertura inedita al pubblico, per riscoprire e valorizzare l’anima delle Colline Novaresi.

CONDIVIDI