Andare a cavallo in Calabria

Perfetto connubio tra montagna e marecollina e pianuracostumi e tradizionisapori e colori, la Calabria è una terra meravigliosa fatta di paradisi naturali ancora poco conosciuti e rappresenta la destinazione ideale per gli appassionati di turismo equestre che vogliono scoprire il territorio e la sua gente a cavallo assaporando, lentamente, l’estrema ricchezza della culla della Magna Grecia.

Con il suo doppio litorale – quello tirrenico (caratterizzato dall’intensità e i colori della natura selvaggia, del mare cristallino e della macchia mediterranea) e quello ionico (con acque più fredde ma paesaggi altrettanto spettacolari e pittoreschi) – la Calabria si presta bene alle passeggiate sulla spiaggia in sella a un cavallo con il rumore delle onde che si infrangono a riva e il vento che porta il profumo del mare.

Caratterizzato da un alternarsi di boschi di pino, campi coltivati e borgate rurale con greggi di bovini e ovini che pascolano allo stato brado, l’altopiano della Sila presenta un’altitudine media che varia tra i 1.200 metri e i 2.000 metri con un paesaggio dolce e ondulato. Attraversare le bellezze dall’altopiano della Sila con dei trekking a cavallo di uno o più giorni percorrendo sentieri che si ramificano per il territorio costeggiando siti di interesse, dai Giganti di Fallistro ai vecchi “tratturi” dei briganti, è un’eccellente opportunità per cavalieri e amazzoni che immersi in un ambiente naturale d’eccezione non dovranno far altro che godere a fondo delle sue meraviglie e dei suoi incredibili colori.

Un’altra destinazione imperdibile per chi ama viaggiare a cavallo è il Parco Nazionale del Pollino (tra Calabria e Basilicata) in cui è possibile organizzare escursioni di varia natura e durata – in base all’abilità del cavaliere – attraversando immense e affascinanti piantagioni di cedro: una splendida avventura in compagnia di un animale meraviglioso per rigenerarsi e aprirsi nuove prospettive.

La mappa di turismoacavallo in Italia:

Lascia un Commento

CONDIVIDI