fbpx

I masi Gallo Rosso con caseificio interno

Formaggio fresco, buono e genuino per ogni vacanza. Le opportunità che Gallo Rosso offre di trascorrere una vacanza diversa e inconsueta sono davvero tante. Infatti, soggiornare in masi dotati di appartamenti moderni e confortevoli e nello stesso tempo essere a stretto contatto con la natura e con la realtà contadina consente di apprezzarel’autenticità della vita rurale senza rinunciare alle comodità.

Fra le tante attività che i contadini svolgono, per alcuni è fondamentale quella di utilizzare il latte per realizzare vari tipi di formaggio. Gli ospiti dei masi con caseificio interno hanno la possibilità di provare l’esperienza di fare il formaggio insieme ai contadini, dalla mungitura dell’animale alla forma fatta e finita, o anche di assistere alla trasformazione del latte in altri derivati come lo yogurt.

Due masi Gallo Rosso a quattro fiori, entrambi a coltivazione biologica e con caseificio interno che offrono anche ospitalità sono il Bio-Hof Unterschweig in Val d’Ultimo, situato a 1700 metri, e l’Unterhoelzlhof a Valdaora. Entrambi i masi hanno la bottega in cui vendono sia agli ospiti sia agli esterni i loro prodotti caseari: burro, yogurt, formaggi. Nelle botteghe spesso è possibile anche degustare i vari tipi di formaggi offerti per scegliere il tipo che più accontenta il proprio gusto.

formaggi che fanno parte dei Prodotti di qualità di Gallo Rosso sono anche venduti in molti negozi di alimentari in Alto Adige, come quelli del caseificio del maso Lehmerhof a Nova Ponente, che li realizza a base di latte vaccino crudo di altissima qualità unendo ricette tradizionali del mondo contadino a tecniche moderne. Il risultato sono squisiti formaggi molli, da taglio e duri.

David Perathoner del maso David’s Goashof di Laion ha deciso invece di puntare sul latte di capra, realizzando un allevamento biologico con più di 60 capre, grazie al quale produce, oltre al latte fresco, caprini, yogurt biologico e probiotico da bere.

Gli altri masi con caseificio interno che producono formaggi e latticini, alcuni dei quali dotati anche di bellissimi appartamenti in cui trascorrere una splendida vacanza, sono presenti sul sito www.gallorosso.it.

In Alto Adige il formaggio è un alimento molto importante; viene servito sempre nelle tipiche merende in compagnia dello speck e del pane. Viene prodotto generalmente con latte di mucca, ma anche di capra o di pecora; il latte deve essere lavorato entro 24 ore dalla mungitura e sono necessarie grandi quantità per produrre formaggio: 1 kg di formaggio può richiedere fino a 12 litri di latte. Un tipico formaggio di questa zona è il Graukäse, che viene realizzato con il latte vaccino scremato derivante dalla produzione di burro e che è alla base di un’ottima ricetta altoatesina, la

Zuppa di formaggio Graukäse

Ingredienti per 4 persone:

 

1 cipolla                                                     50 ml di vino bianco

1 cucchiaio di porro                                    750 ml di brodo vegetale o di carne

2 cucchiai di burro                                      150 g di formaggio Graukäse

1 patata media farinosa                              150 ml di panna

Sale e pepe                                               120 g di formaggio Graukäse (sbriciolato)

Cubetti di pane abbrustoliti                          12 fili di erba cipollina

Preparazione          

Tagliare a pezzetti piccoli la cipolla e il porro e soffriggerli nel burro. Aggiungere la patata sbucciata e tagliata a cubetti, abbrustolirla brevemente, insaporire con sale e pepe, sfumare con il vino bianco e irrorare con il brodo vegetale o di carne. Appena i cubetti di patata saranno cotti, aggiungere il Graukäse tagliato a dadini. Portare brevemente a ebollizione il tutto, aggiungere la panna e passare con il mixer. Versare la zuppa nei piatti e servire con i cubetti di pane, il Graukäse sbriciolato e dei fili di erba cipollina (ricetta della contadina Doris Gruber dell’osteria Gallo Rosso Planitzer di Montagna).

Condividi