fbpx
residence-gavilas

Residence Gavila’s

Il Gavila’s Residenza Turistico Alberghiera nasce nel 1972 a Porto Azzurro su una collina arida di serpentino azzurro violaceo, da qui il nome della località : Sassi Turchini. In questi 40 anni la propietà si è prodigata a far crescere un parco/giardino con le specie della macchia mediterranea e oggi Il Gavila’s si èresenta accoglente verdeggiante e più di tutto un luogo di pace e tranquillità in cui soggiornare non solo per vacanze estive rivolte alla frequentazione del mare, ma anche per ritrovare un sano equilibrio nella e con la natura. Dal residence si possono raggiungere facilmente alcuni sentieri che si collegano anche con la GTE (Grande Traversata dell’Elba) un sentiero che percorre tutta la splendida Isola d’Elba.

Il clima mite consente soggiorni gradevoli da Maggio fino a fine giugno, e da metà settembre a novembre inoltrato. Durante il periodo estivo non sono consigliate le passeggiate molto lunghe a causa del caldo, ma brevi escursioni sono programmate presso le Case del Parco Nazionale (quella di Rio Nell’Elba) è a solo 10 mminuti di auto (7 Km circa)

Presso il Bar del Gavila’s è possibile avere una buona colazione Italiana anche per vegetariani e vegani.

Gli animali domestici sono sicuramente ben accettati e c’è la possibilità di avere informazioni sulle spiagge che li possono accogliere in libertà

Il lato Green

Il Gavila’s è immerso nella natura, non sono da tempo ultilizate sostanze chimiche per diserbare, insetticidi ecc…  immersi nella natura, con la pesenza anche di piccoli animaletti come “gechi”, rospi, falchetti, lepri, il notturno “nottolo” …e a volte si avvicinano i conghiali.

Consigli in zona

Vicino al Gavila’s c’è un piccolissimo santuario spagnolo dedicato alla Madonna di Monserrato, è racchiuso da una corona di colline rocciose e si può godere della vista del mare, delle capre selvatiche che si arrampicano sul far della sera, dei Falchi, ai piedi del santuario un bosco che sale fino al Monte della Croce che sovrasta il Paese di Porto Azzurro. La croce è raggiungibile dal Santuario servendoci di un sentiero che in ultimo ha una piccola parte diferrata.

Ad un chilometro nei pressi della spiaggia di Reale, si trovano i resti delle miniere di Terranera, che ospitano un laghetto di acqua sulfurea separato dal mare da una lingua di spiaggia di circa 20 metri, qui gli Etruschi estraevano il ferro già 2000 anni fa.

Le spigge di Reale e Barbarossa sono a solo 1300mt dal Gavila’s.

A Porto Azzurro la superba fortezza spagnola (oggi penitenziario) sovrasta il paese marinaro che si apre sul mare con la sua ricercatissima piazza.

Lascia un Commento

Condividi