fbpx
masseria-bosco-pontoni

Masseria Bosco Pontoni

“Qui si fa vita di campagna, molto semplice” è quello che ci racconta Marina Colonna, figlia del Principe Francesco Colonna, che gestisce l’azienda agricola di famiglia, la Masseria Bosco Pontoni.

Marina discende da avi illustri, che furono nel tempo principi, papi, santi, governatori, sempre con un ruolo di primo piano nel campo culturale, ecclesiastico, politico, militare e civile in Italia e in Europa.

A 20 minuti dalla costa molisana, nellentroterra disseminati di oliveti, con tre laghi nella proprietà, sorge la masseria. A piano terra donna Marina affitta un appartamento a chi vuole conoscere un territorio tuttora poco esplorato e ricco di potenzialità.

Olio extravergine pluripremiato

Nella masseria di Bosco Pontoni, sulla collina con vista sull’Adriatico, crescono cereali, ortaggi e più di 25mila piante d’olivo, in parte secolari e in parte impiantati negli anni ’90, di numerose varietà, autoctone, provenienti da altre regioni d’Italia e dall’estero, sperimentali. Negli oliveti sono utilizzate tecniche a basso impatto ambientale e pratiche di coltivazione sostenibile, con concimi naturali e compost ottenuto dalla miscela di elementi di scarto agricolo come sansa, paglia, foglie di olivo e agrumi.

L’olio extravergine di oliva, la selezione D.O.P.*, il biologico e gli oli aromatizzati con agrumi biologici sono pluripremiati e vengono venduti in bottiglie a forma di anfora, disegnate da Marina, chiuse da un tappo di sughero e sigillate con ceralacca rossa. Per quanto riguarda gli oli aromatizzati, le olive appena raccolte vengono molite con le scorze di limoni, arance, mandarini e bergamotti provenienti da coltivazioni biologiche in Sicilia e in Calabria. Lo stesso procedimento è adottato per mirto, zenzero e cardamomo e infine con foglie di basilico biologico coltivato in azienda.

La Masseria Bosco Pontoni esporta le sue apprezzate anfore olearie in Europa, Usa, Australia e Giappone.

*D.O.P. La Denominazione di Origine Protetta è il riconoscimento attribuito dalla UE per un prodotto agricolo o alimentare il cui intero ciclo produttivo, dalla materia prima al prodotto finito, si realizza in un determinato territorio. L’insieme di fattori naturali (materia prima, caratteristiche ambientali e origine) e umani (produzione tradizionale e artigianale), rendono il prodotto inimitabile e non riproducibile altrove. Le regole produttive, contenute nel disciplinare, sono più rigide per assicurare la massima qualità dei prodotti.

Il lato Green

L’alloggio, ristrutturato con materiali locali come la pietra di Apricena, è arredato con mobili di famiglia, ha una stanza matrimoniale e una con due letti, la cucina modernamente attrezzata e l’ingresso autonomo. Il riscaldamento è garantito, nella stagione fredda, dal camino e dalla caldaia che utilizza come combustibile gli scarti della lavorazione delle olive, i nocciolini della sansa. Pannelli solari sono per garantire l’acqua calda.

Consigli in zona

Le giornate alla Masseria possono essere personalizzate secondo le esigenze espresse al momento della prenotazione. La visita aziendale con degustazione dell’olio è da non perdere, oltre alle passeggiate nella tenuta.

Donna Marina organizza piccoli corsi, come quello di cucina con uno chef del luogo o di disegno e pittura del paesaggio, anche archeologico. Prepara anche un piano di escursioni con suggerimenti di luoghi da conoscere: le Tremiti, il GarganoPietrabbondanteAgnone, dove si acquista un ottimo caciocavallo e si visita il Museo della Campane.

A pochi chilometri si trovano i centri abitati di Larino e Ururi, un po’ più distante c’è Termoli, cittadina costiera.

Gli ospiti potranno quindi conoscere diverse realtà, tra mare, colline, siti archeologici e borghi medioevali della zona. Il Molise, infatti, è ricco di resti romani e paleo-cristiani

Lascia un Commento

CONDIVIDI