fbpx
azienda-agricola-il-castelletto

Azienda Agricola Il Castelletto

La particolare posizione geografica invita quasi a definirla una splendida terrazza sulla Pianura Padana abbracciata dall’imponente catena degli Appennini.

Generosi Vigneti ed Oliveti fanno da corona alla Villa padronale del 1700, costruita su fondamenta romaniche risalenti al 1400, antica fortezza della famiglia Ginami, potenti feudatari della Valle Seriana. 
L’arte del coltivare la terra, la profonda conoscenza del territorio, il duro lavoro e l’immensa passione che si tramanda di generazione in generazione, sono gli elementi che rendono Il Castelletto un’azienda che pur avendo un bagaglio di storia importante da tramandare, non smette mai di crescere ed accogliere, sempre con molta apertura, il mondo che cambia.
La superficie aziendale complessiva è di circa 22 ettari, di cui 4 sono coltivati a vigneto (Moscato di Scanzo, Chardonnay, Pinot Grigio, Pinot Bianco, Merlot , Cabernet e Incrocio Manzoni), circa 2 ad oliveto, con più di 1000 piante (Leccino, Frantoio, Casaliva, Pendolino, Sbresa ed altre ancora per un totale di 30 varietà) ed i restanti suddivisi in frutteto, bosco ceduo e bosco ad alto fusto.

Uve da Vino

Il Castelletto nasce proprio come azienda Vitivinicola, con produzione di vino come il famoso Moscato di Scanzo (Camillo Lussana, predecessore di Pietro Umberto Lussana nella conduzione del Castelletto, fu uno dei produttori che per primi si associarono e costituirono il Consorzio Moscato di Scanzo nel ….) e il Valcalepio Rosso (il Castelletto è tutt’ora socio del Consorzio Tutela Valcalepio)
Da qualche anno la famiglia Lussana, convinta che l’associazionismo sia la strada giusta da percorrere per crescere, e consapevoli che era necessario compiere una serie di azioni di rinnovamento aziendale, reimpianto dei vigneti, nonché ristrutturazione della cantina aziendale, ha deciso sospendere provvisoriamente tutte le operazioni di vinificazione e commercializzazione del vino, diventare socio della Cantina Sociale Bergamasca e conferire le uve a quest’ultima che si occupa direttamente della vinificazione e della commercializzazione dei vini in tutta Italia e all’estero.
Quindi, agli amanti del buon vino diciamo : ” portate pazienza, tra qualche anno potrete degustare di nuovo i nostri eccellenti vini, con una veste del tutto nuova, che porterà con se, però, tutta la storia dell’arte di fare vino che al Castelletto si tramanda di generazione in generazione “.

Olio

Sono secolari alcune piante di ulivo, varietà Sbresa e Leccino, presenti in azienda, negli anni settanta poi, la bellezza e il fascino di questa pianta, catturò l’attenzione di Pietro Umberto Lussana, che cominciò, nel corso degli anni, a piantarle come cornice ad ogni appezzamento vitato e lungo i viali aziendali, producendo una quantità tale di olive da poter produrre olio, in quantità sufficiente a coprire il fabbisogno della famiglia. Da quei primi anni, se ne è fatta di strada, gli ulivi sono aumentati sino a raggiungere più di 1.000 piante, tra cui Leccino, Frantoio, Pendolino, Casaliva, Sbresa e molte altre per un totale di circa 30 varietà.
Da oltre 10 anni l’Olio Extravergine di Oliva DOP Laghi Lombardi, recentemente battezzato con il nome di Alarico, è in commercio facendolo conoscere in tutta la Regione Lombardia e dimostrando di aver raggiunto qualità eccellenti (riconosciute nei vari corsi di assaggio e dalla Guida Italiana agli Extravergini di Oliva di Sloow Food)
Il posizionamento in Azienda del Frantoio, permette di frangere le proprie olive nella stessa giornata di raccolta, questo unito alla professionalità e alle attenzioni date durante tutto il ciclo produttivo, fanno si che i nostri Oli Extravegini di Oliva abbiano l’Alta Qualità riconosciuta .

Video presentazione

Lascia un Commento

CONDIVIDI