fbpx

Agriturismo Ai Bagolari

È un’azienda agricola di nove ettari coltivati in parte a orto, con le tipiche colture della zona, dal radicchio di Treviso al variegato di Castelfranco, dall’asparago alla patata e poi ancora zucchine, piselli, fagioli, pomodoro, ecc.

Altra coltura importante è il vigneto che offre ottimi vini da tavola come il Cabernet e il Verduzzo. Il resto dell’azienda, dedicato al seminativo consente la produzione di mangimi per il pollame, i maiali e i conigli. Tra gli altri allevamenti c’è da menzionare quello delle chiocciole.

La cucina propone piatti curati ma casalinghi, preparati secondo ricette di famiglia;  le specialità dell’ agriturismo Ai Bagolari vanno dalla soppressa all’ossocollo, passando per il lardo conservato con il sale, erbe e spezie, poi   potete gustare gli gnocchi di zucchine o di patate,  il pollo in umido e la trippa alla trevigiana, le lumache e anche il pane lo fanno in casa con la farina prodotta nei nostri campi. La carne di bovino e i formaggi ci sono invece fornite da altre aziende agricole della zona.

Il lato Green

Interessanti sono i boschetti, lungo il corso del Muson con bagolari ultracentenari e nuove siepi, che danno riparo a innumerevoli uccelli come il picchio, gli aironi, le poiane; recentemente questa parte del territorio di Godego è diventata zona di riproduzione e ripopolamento faunistico e non è raro incontrare lepri, scoiattoli e fagiani.

Si possono  inoltre raccogliere erbe selvatiche preziose per la cucina come “e erbette dea Madona, e ortighe, i brustangoi e i radici mati”. Il tutto all’ombra di noci e noccioli che offrono la frutta secca per torte e crostate.

Qui si è lungo il Sentiero degli Ezzelini, pista ciclo pedonale che, immersa nel paesaggio rurale e costeggiando sempre il Muson, permette magnifiche passeggiate.

All’interno dei piccoli boschetti è stato realizzato un percorso botanico, delle schede didattiche illustrano le principali caratteristiche della flora tradizionale del paesaggio per insegnare a grandi e piccini a comprendere la natura che li circonda. Essendo un agriturismo veneto si ha la certezza che il 65% del prodotto servito è prodotto dall’azienda, mentre il 25% proviene da piccole botteghe artigiane o altre aziende agricole.

Attraverso l’associazione Turismo Verde,  che conta ormai una sessantina di aziende agrituristiche in provincia di Treviso, viene promosso lo scambio continuo di prodotti da un agricoltore all’altro, in modo da offrire ai proprii ospiti il meglio di quello che i campi e la sapienza dell’uomo ci regalano. È il caso del riso della Riseria delle Abadesse che è uno dei presidi Slow Food, del prosecco di Valdobbiadene Guja di Mario Buso, del succo di mela e dei vini dei nostri vicini “de là del Muson” della Cantina Pegoraro. Un cenno particolare merita la Birra Artigianale davvero speciale che è prodotta con l’orzo e il frumento dei campi dell’ agriturismo dal Mastro Birraio Ivan Borsato che potrete sia degustare sia acquistare.

Consigli in zona

Castello di Godego è al centro di diverse città d’arte venete che vale la pena visitare (Castelfranco Veneto, Bassano, Asolo, Cittadella). In oltre L’agriturismo si trova vicino al torrente Muson che è costeggiato da una pista ciclo pedonale che collega Padova con il monte Grappa, il Sentiero degli Ezzelini. Il vero motivo per visitare l’agriturismo è naturalmente gustare i prodotti dei campi trasformati in ottimi piatti.

Lascia un Commento

Condividi